Omaggio a cavalli, muli e asini della Prima Guerra mondiale

21743133_1340421822735459_8655013544077364140_n.png

Ne morirono oltre 8 milioni tra cavalli, muli e asini. I soldati della Prima guerra mondiale qui ne rendono omaggio.

Se si sommano anche cani, buoi e maiali, la cifra di animali morti durante quel terribile conflitto, arriva a 100 mila, esclusi i 200 mila i piccioni e colombi viaggiatori. Tutti vissero di stenti tra fango e bombe, condividendo il fronte insieme ai 60 milioni di soldati di tutta Europa.

Ma cosa facevano esattamente i muli in guerra? Erano fondamentali sulle montagne, insieme a buoi e cani venivano infatti utilizzati per il trasporto di parti di cannone, munizioni, provviste ed acqua.

I piccioni viaggiatori invece servivano per mandare messaggi alle truppe e insieme ai cani erano usati loro malgrado come “carne da macello” per rilevare la presenza di gas tossici.

I cani infine si usavano per il ritrovamento dei feriti ed ebbero durante tutto il conflitto bellico, anche un ruolo psicologico importantissimo per i soldati dentro e fuori la trincea.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...