Il principio di Archimede spiegato con un gioco

ArchimedesMain-e1397989149779-300x203.jpg

I bambini si annoiano e vi stanno alla giugulare senza darvi tregua? Conosco bene la sensazione. Vi suggerisco quindi un gioco divertente da fare con l’acqua, per farli divertire da soli per una buona mezzora… Con in più, volendo, l’effetto “spiegone”: al termine potete infatti spiegare loro il famigerato principio di Archimede!

Per il gioco serve un secchio e un bicchiere di carta.

Il gioco funziona così: si riempie a metà il secchio grande e vi si immerge un bicchiere di carta con qualche goccia d’acqua in modo che galleggi verticalmente. Poi, a turno, i bambini devono aggiungere qualche goccia d’acqua (servendosi di un cucchiaino o di una bottiglietta): chi fa affondare per primo il bicchiere perde.

Che legame c’è tra il gioco e il principio di Archimede? Semplice, il bicchiere sta a galla perché l’acqua gli conferisce una spinta dal basso verso l’alto pari al peso della massa d’acqua che sposta nel momento in cui viene immerso.

Ma se il bicchiere finisce per pesare di più del volume d’acqua spostata… affonda!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...