Chi ha inventato il primo robot?

320px-toyota_robot_at_toyota_kaikan

Se volete raccontare ai vostri bambini come sono nati i primi robot o se in classe volete affrontare il complesso tema della robotica (tema attaule visto anche l’impatto che ha sul mondo del lavoro) vi suggerisco questo spunto storico. Non solo è curioso, ma di sicurò catturerà l’attenzione dei ragazzi che vi ascoltano.

Tutto ha avuto inizio grazie a un genio dell’invenzione e dell’immaginazione: Jacques de Vaucanson (1709-1782), non a caso definito il “rivale di Prometeo”. Figlio di una famiglia benestante francese del ‘700, ancora giovane si trasferì a Parigi per svolgere studi scientifici. Gli anni erano quelli del fervore culturale illuminista. E lui, trovandosi in ristrettezze economiche, diede il suo contributo alla scienza a suo modo: si dedicò alla costruzione di quelli che gli storici considerano i primi robot funzionanti: marchingegni meccanici affascinantissimi!

C’erano androidi che suonavano il faluto e paperelle che replicavano il processo di digestione e di defecazione. Si, avete capito bene. Duck_of_Vaucanson.jpg

L’anatra digerente funzionava così: l’automa aveva le sembianze di una papera ed era ricoperta in bronzo dorato. La sua particolarità era l’apparente capacità di ingerire, digerire e defecare i chicchi di grano. Le cose in raltà andavano un po’ diversamente:  il cibo, che veniva preso dall’anatra allungando il collo, si raccoglieva in un contenitore interno e le feci, preinserite in un altro scomparto, erano prodotte da un secondo contenitore. C’è chi ha sostenuto insomma che la digestione era più simbolica che reale.

vaucanson2

Il dado però era tratto. Da quel momento l’ingegneria aveva la strada spianata per le sue successive sperimentazioni.

anatravaucanson.jpg

Anni dopo Vaucanson inventò infatti anche il primo telaio automatico. Nel 1751, una ruota automatica per la dipanatura che utilizzava la tessitura a spina di pesce. E, più tardi il primo telaio interamente automatico: tra i suoi congegni mise a punto elementi meccanici che sono tuttora utilizzati per le macchine utensili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...